English French German Italian Portuguese Spanish
Home
'Ne cande, il nuovo libro di Gustavo Tempesta
Scritto da Staff   
Mercoledì 16 Luglio 2014 18:11

Il “canto lieto”, quello che trattava di feste, amori e piccola ironia dove si contemplava il fluire non privo di stenti di un vivere paesano, è svanito negli anni.

Con il secondo dopo guerra l’emigrazione continuò a spopolare paesi e campagne. Il trasferirsi nelle città comportò che il “lieto canto” si trasformasse in disagio esistenziale in alcuni; in altri, abbandonata rassegnazione e perdita d’identità. Il disconoscimento delle proprie radici e il rifiuto del dialetto avvertito come fardello ingombrante fece acquisire una nuova dimensione a chi lasciò i piccoli paesi del sud, omologando e conformando questi a una realtà coatta. 
 
Gustavo Tempesta
 
alt
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 3